Server sottomarini !

Vuoi un Data Center efficiente dal punto di vista energetico?
Microsoft vuole sommergere i data center per tenerli refrigerati e recuperare energia dal mare!

Quando Sean James, che lavora sulla tecnologia data center per Microsoft, ha suggerito che l’azienda ha messo sottosistemi di server farm sott’acqua, i suoi colleghi erano un po ‘dubbiosi. Ma per James, che in precedenza aveva prestato servizio a bordo di un sottomarino per la US Navy, l’immersione di interi data center sotto le onde aveva perfettamente senso.

Questa tattica, sosteneva, non solo limiterebbe il costo del raffreddamento delle macchine – una spesa enorme per molti operatori di data center – ma potrebbe anche ridurre i costi di costruzione, rendere più facile alimentare queste strutture con energie rinnovabili e persino migliorare la loro prestazione.

Insieme a Todd Rawlings, un altro ingegnere Microsoft, James ha diffuso un white paper interno per promuovere il concetto. Ha spiegato come la costruzione di data center sott’acqua potrebbe aiutare Microsoft e altri fornitori di cloud a gestire la crescita fenomenale di oggi in modo ecosostenibile.

In molte grandi aziende, idee così bizzarre sarebbero potute morire tranquillamente. Ma i ricercatori Microsoft hanno una storia di affrontare sfide di vitale importanza per l’azienda in modi innovativi, anche se il lavoro richiesto è molto al di fuori delle competenze chiave di Microsoft. La chiave è riunire team di ingegneri unendo dipendenti Microsoft con colleghi di aziende partner.

Tutti e quattro formarono il nucleo di una squadra del genere,  incaricato di mettere alla prova l’idea di James. Così nell’agosto del 2014, organizzarono quello che presto sarebbe stato chiamato Project Natick.Mjg2NjkwNg.jpeg

E solo 12 mesi dopo, fu fatto un prototipo che serviva i dati da sotto l’Oceano Pacifico.

La più grande preoccupazione  avuta  durante il collaudo è stata la rottura delle apparecchiature. Dopotutto, nonsarebbe possibile inviare un tecnico ad un server rack per sostituire un disco rigido difettoso o una scheda di rete. Le risposte ai guasti hardware dovevano essere fatte da remoto o in modo autonomo. Anche oggi nei data center di Microsoft, si lavora per affrontare i guasti senza l’intervento umano. Quelle stesse tecniche e competenze saranno applicate ai pod Natick del futuro.

Sicurezza? I tuoi dati sono al sicuro da cyber o furti fisici se sono sott’acqua? Assolutamente si ! Un sito Natick fornirebbe la stessa crittografia e altre garanzie di sicurezza di un centro dati Microsoft basato su terra. Mentre nessuna persona sarebbe presente fisicamente, i sensori darebbero a un pod Natick un’eccellente consapevolezza di ciò che lo circonda, inclusa la presenza di visitatori inaspettati.

Potresti chiederti se il calore proveniente da un centro dati sommerso potrebbe essere dannoso per l’ambiente marino locale. Probabilmente no.  Qualsiasi calore generato  si miscelerebbe rapidamente con acqua fresca e portato via dalle correnti. L’acqua a pochi metri a valle di una nave Natick avrebbe al massimo qualche millesimo di grado più caldo.

Quindi l’impatto ambientale sarebbe molto modesto. Questo è importante, perché il futuro è destinato a vedere molti più data center costruiti. Anche se in effetti però, la gente  non ne vedrà molti, perché faranno il loro lavoro sott’acqua.

Annunci